header_image

Itinerari Religiosi

Il Gargano non è solo meta di vacanzieri e amanti della natura: da secoli infatti vede giungere alle proprie pendici innumerevoli pellegrini e devoti, attratti in primo luogo dalla grotta di San Michele Arcangelo e, in tempi più recenti, dal Santuario di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo. Il Promontorio ha ricoperto e ricopre un ruolo centrale nei pellegrinaggi che in passato venivano intrapresi come pratica penitenziale verso la Terra Santa, lungo la cosiddetta “Via Sacra Langobardorum”. Il Gargano è stato così ribattezzato “Montagna Sacra”; esso stesso infatti si identifica quasi come un grande santuario naturale, offrendo elementi naturalistici ricorrenti nella storia delle religioni: la montagna solitaria e le grotte, luoghi dove la divinità poggia il suo piede e fa sentire la sua voce per stabilire l’incontro con l’uomo. I percorsi religiosi convergono verso i principali santuari montani e da questi si diramano verso altri centri religiosi costituendo un complesso spirituale organicamente strutturato.

  • Itinerario 1: Sulla Via Sacra Langobardorum

Un primo itinerario da seguire si sviluppa lungo il percorso seguito dall’antica Via Sacra dai pellegrini diretti al Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo.

Madonna di Cristo (Rignano Garganico) – Partendo da Rignano Garganico, sulla strada diretta a Foggia, si trova la piccola chiesa della Madonna di Cristo. Non si hanno molte notizie sulla data di fondazione della chiesa; l’unica informazione pervenutaci riporta che nel 1176 faceva parte della Badia di San Giovanni in Lamis, attuale convento di San Matteo, sotto il cui tenimento resterà fino agli inizi del XIX secolo, quando fu assunta dal Comune di Rignano per poi essere restituita all’autorità ecclesiastica nel 1929. La cappella è dotata di piccoli disimpegni per il romito a cui l’autorità, nei secoli andati, affidava la custodia. La chiesina è molto cara al popolo rignanese (numerosi sono gli ex voto che conserva) il quale si ritrova tutto insieme per la festa che si celebra nel martedì dopo la Pasqua. Vi si venera una bella statua della Madonna con Bambino.

Santuario di San Matteo (San Marco in Lamis) – Spostandosi a San Marco in Lamis, a circa 3 km a est del centro abitato, si erge il Convento francescano di San Matteo. Fondato dai Benedettini col nome di San Giovanni in Lamis, è ricordato in molti documenti medievali per la sua importanza non solo ecclesiastica ma anche sociale: il vasto feudo, infatti, comprendeva l’attuale territorio di San Giovanni Rotondo e di San Marco in Lamis, oltre a diverse pertinenze sparse qua e là per la Capitanata e la Puglia. La sua fondazione sulle pendici del Monte Celano fu dovuta all’esigenza di accudire i pellegrini che dalla fine del sec. V incessantemente salivano al Gargano diretti alla Grotta dell’Arcangelo Michele a Monte Sant’Angelo. Il santuario di San Matteo nacque, quindi, come ospizio dei pellegrini, e come tale ha sostanzialmente continuato la sua funzione attraverso i secoli fino ai giorni nostri: qui si fermavano i fedeli per trascorrervi la notte o almeno per fare una breve tappa spirituale. In questi ultimi decenni i Frati, insieme all’accoglienza dei pellegrini, hanno sviluppato anche un’intensa attività culturale con l’apertura di una grande Biblioteca, di un museo, iniziative di ricerca e di divulgazione, pubblicazioni, concerti. Il santuario di San Matteo, agli interessi religiosi e culturali, unisce anche un rilevante aspetto naturalistico che lo rende una delle mete più complete e frequentate del Gargano. Inserito nel Parco Nazionale del Gargano, il santuario è circondato dal Bosco Difesa di San Matteo, una zona boschiva tra le più ricche per il numero delle specie botaniche, per l’ampiezza degli orizzonti e per la varietà del suo paesaggio mantenutosi sostanzialmente intatto.

Santa Maria di Stignano (San Marco in Lamis) – Poco distante da San Marco in Lamis, all’ingresso dell’ampia valle che a nord ovest si apre sul Tavoliere, si trova il Santuario di Santa Maria di Stignano. Diverse sono le leggende intorno a questo luogo di devozione mariana. Si narra che San Francesco, nel suo viaggio verso la Grotta di San Michele, sia rimasto estasiato da questo posto per la sua amenità. La leggenda più diffusa riporta che Leonardo Di Falco, un povero cieco mendicante, abitante di Castel Pagano, un giorno si sia addormentato sotto una quercia, quando all’improvviso gli è apparsa la Vergine Maria poggiata sui rami di un albero mentre gli indicava una statua raffigurante la Madre di Dio col Bambino. Il cieco d’improvviso riacquistò la vista e raccontò tutto ai sacerdoti di Castel Pagano, i quali vennero a rilevare la sacra immagine. Su quel luogo venne costruita una cappelletta che divenne subito luogo di pellegrinaggi. La chiesa col tempo fu completata con cupola e campanile e venne costruito un annesso convento di francescani.

Santa Maria delle Grazie (San Giovanni Rotondo) – A pochi chilometri da San Marco in Lamis si trova San Giovanni Rotondo, centro spirituale di fama internazionale che nell’ultimo secolo ha visto accorrere nella propria terra milioni di pellegrini. La fama della cittadina garganica, che si estende a ridosso del Monte Calvo, è dovuta alla presenza del luogo in cui visse ed operò San Pio da Pietrelcina: la chiesa di Santa Maria delle Grazie con l’annesso Convento di Frati Cappuccini. Il convento iniziò la sua vita nel 1540, quando i Frati, invitati dall’Università, piantarono la croce alle falde del Montenero in un fondo donato da un devoto sangiovannese, Orazio Antonio Landi. Furono costruite le prime casupole. La chiesa fu completata nel 1581. I Frati Cappuccini avevano riportato in quelle terre garganiche, che già vantavano una gloriosa tradizione francescana, gli entusiasmi e la freschezza degli inizi del francescanesimo. Lavoravano e predicavano; questuando spargevano a piene mani il buon esempio e la parola di Dio. Dopo alterne vicende la comunità di frati vide stravolta la propria quotidianità dall’arrivo di un giovane frate, Padre Pio da Pietrelcina. Presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie accorsero pellegrini da ogni parte del mondo. Qui Padre Pio ricevette le stimmate, visse per circa cinquanta anni e vi fu sepolto. Nel 2004 sorse il nuovo Santuario a lui dedicato, progettato da Renzo Piano.

Santuario San Michele Arcangelo (Monte Sant’Angelo) – Il culto di San Michele è il primo affermatosi nel promontorio del Gargano e che lo ha reso famoso nel mondo. La sua diffusione è dovuta alle apparizioni dell’arcangelo in una grotta, dove poi sarebbe sorto il santuario, intorno al V-VI secolo d.C.; da lì durante il medioevo il culto di San Michele si diffuse in tutta Europa. La Sacra Grotta, insieme al Sepolcro di Gesù a Gerusalemme, alle tombe degli Apostoli Pietro e Paolo a Roma e al santuario di San Giacomo di Compostela in Spagna, divenne uno dei quattro grandi santuari della Cristianità. In questi luogo si sono recati in pellegrinaggio numerosi papi, santi, regnanti e semplici fedeli. Oggi il Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo si presenta sempre come una delle capitali spirituali di tutta l’Italia Meridionale, vero crocevia dello spirito, dove le strade di molti popoli confluiscono favorendo scambi e unificando i cuori in un continuo storico con le esperienze spirituali di popoli che da oltre quindici secoli, ininterrottamente, continuano a varcare la soglia della misteriosa caverna.

Madonna di Pulsano (Monte Sant’Angelo) – A circa 8 km da Monte Sant’Angelo, su di un balzo che domina la sottostante pianura e il Golfo di Manfredonia, si trova un luogo di spiritualità unico in tutto il Gargano, eletto “Luogo del FAI 2010”: l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano. Qui nel 1129 svolse la sua attività San Giovanni da Matera, che fondò la Congregazione degli Eremiti Pulsanesi. Nei dintorni, e specialmente nel Vallone dei romitori, i monaci costruirono molte piccole abitazioni abbarbicate sulle aspre pareti della montagna dove trascorrevano lunghi periodi di solitudine assoluta nella preghiera e nella contemplazione. La comunità aveva assunto la Regola di San Benedetto ma si dedicava anche a un’attiva vita apostolica tra i contadini e soprattutto tra i pellegrini provenienti dalla Grotta di San Michele e diretti al santuario di San Leonardo a Siponto. Ben presto si diffuse la fama di questa comunità e il luogo, per la sua suggestività divenne meta di numerosi pellegrinaggi. Il quadro originale della Madonna di Pulsano, purtroppo, è stato rubato nel 1966, così come è stata trafugata buona parte dell’arredo sacro e numerosi elementi scultorei ed architettonici del complesso abbaziale che è sicuramente una delle più importanti espressioni del romanico pugliese. Il dipinto, secondo alcuni studiosi, apparterrebbe alla scuola cosiddetta dei Ritardatari, fiorente in Puglia e Basilicata tra XII e XIII secolo. L’immagine riecheggia le icone bizantine con il volto scuro della Madonna leggermente inclinato, il capo coperto e l’aureola dorata; il bambino è rivolto verso chi osserva e, nel complesso, l’effigie richiama la Madonna di Siponto e la Madonna di Ripalta.

Santa Maria di Siponto (Manfredonia) – Posto sulla via sacra dei pellegrini, il santuario della Madonna sipontina sorge attiguo ai resti di una basilica paleocristiana risalente ai tempi del vescovo Lorenzo Maiorano. Il culto della Vergine è intimamente legato alle vicende della chiesa e con essa è sopravvissuto per giungere fino ai nostri giorni. Intorno al 1060 fu commissionato e realizzato il portale e la chiesa fu dotata dell’icona della Vergine con il Bambino. Per secoli circolò la leggenda, comune per molte immagini della Vergine, secondo cui sarebbe stata dipinta da S. Luca. Di sicuro, però, sappiamo che la sua venerazione fu sempre viva nel corso dei secoli come attestano numerosi documenti e testimonianze. L’immagine della Madonna, su legno di cedro, è quella classica delle icone ispirate alla tradizione orientale: la Vergine regge con il braccio sinistro il Bambino mentre questo esibisce il rotolo della Parola di Dio. Ma l’icona non è l’unica immagine della Vergine presente nella cattedrale di Siponto. Fino a non molto tempo fa era conservata nella cripta della basilica una statua straordinaria. Era chiamata dalla devozione del popolo la “Sipontina”; seduta in trono con il Bambino benedicente sulle ginocchia; con gli occhi allargati in atteggiamento di doloroso stupore, e il mento coperto di strane macchie biancastre. La leggenda narra che tanto tempo fa una giovinetta era stata violentata da un parente del vescovo dell’epoca proprio davanti all’immagine della Madonna la quale “dal momento in cui fu consumata la nefandezza inaudita, si trasfigurò: i suoi occhi, già dolci e suadenti, furon visti diventare ogni giorno più grandi e finalmente restarono sbarrati come due finestre su una notte di procella”. Anche la scomparsa di Siponto è collegata a questa leggenda. La sventurata ragazza cercò la morte fra le onde, ma il mare, misericordioso, la riportò a terra. Le sue lacrime disperate si raccolsero originando il lago Salso il quale, a sua volta, determinò lo sviluppo delle paludi che saranno la causa della fine di Siponto. Nonostante devastazioni e saccheggi e nonostante il suo isolamento, l’antica cattedrale di Siponto è stata sempre nelle cure e nell’attenzione dei pastori della diocesi, non per la sua posizione urbanistica, evidentemente, né per la sua funzionalità organizzativa, bensì per la viva partecipazione popolare al culto della Madonna, che non può vedersi disgiunto da quello per S. Michele, sin dalle origini del santuario garganico.

  • Itinerario 2: Religiosità a nord del Gargano

Un secondo itinerario religioso da seguire si snoda tra le località a nord del Gargano, da San Nicandro a Vieste.

Santa Maria di Monte d’Elio (San Nicandro Garganico) – Su Monte d’Elio, collina che si protende tra le lagune di Lesina e di Varano, si trova la chiesa di Santa Maria di Monte d’Elio. Il luogo in cui si trova era sede dell’antico abitato di Devia, si cui oggi restano ruderi di abitazioni dell’antica colonia slava e delle successive fortificazioni apportate dai Bizantini nell’XI secolo. L’interno della chiesa è decorata da uno splendido ciclo di affreschi riconducibili all’iconografia bizantina: tra cui figurano un Cristo Pantocrator, una teoria di santi a figura intera e una Madonna su trono. Lo spazio è diviso in tre navate tra due filari di colonne a base circolare. Tripartita è anche la ripartizione degli absidi semicircolari del prospetto posteriore. Dall’esterno della chiesa si gode di uno splendido panorama che abbraccia la vista sui laghi fino alle Isole Tremiti. La chiesa è visitabile in Luglio e Agosto. Negli altri mesi dell’anno per appuntamento, referente Don Giancarlo Borrelli (tel. 0882.471889).

Grotta di San Michele (Cagnano Varano) – Luogo di passaggio per i pellegrini diretti a Monte Sant’Angelo, a qualche chilometro ad ovest di Cagnano Varano si trova la Grotta di San Michele. Le pareti della grotta custodiscono le testimonianze del passaggio di fedeli che nel corso dei secoli si sono recati sulla Montagna Sacra in pellegrinaggio. La grotta si presenta come un ambiente piuttosto lungo; sul pavimento, reso viscido dallo stillicidio, e sulla volta si notano numerose concrezioni calcaree. Secondo la leggenda San Michele, diretto a Monte Sant’Angelo, si fermò in questo luogo per trovare ristoro: dalla roccia che toccò scaturì una fresca sorgente, oggi chiamata “fontana di San Michele” presso cui si dissetò. Ancora oggi è luogo di fervente devozione, frequentato dagli abitanti del luogo e dai numerosi turisti che si recano in vacanza sul Gargano. L’8 maggio è il giorno dedicato ai festeggiamenti di San Michele.

Maria SS. Della Libera (Rodi Garganico) – Il culto e la devozione verso la Madonna della Libera nasce da una leggenda: a seguito della presa di Costantinopoli da parte dei turchi, alcune navi veneziane tornando in Italia portarono in salvo dalla loro furia distruttrice alcune statue e immagini sacre. Sul tragitto di ritorno, giunte al largo di Rodi Garganico, una di queste restò inspiegabilmente immobile nonostante le vele gonfie e il vento a favore. Il comandante decise di scendere a terra per cercare una spiegazione all’accaduto; notò che durante i giorni di permanenza a terra la popolazione si raccoglieva attorno ad un’immagine della Madonna che avevano salvato a Costantinopoli e che avevano adagiato su una roccia. Ordinò di riportarla a bordo, ma miracolosamente l’immagine ritornava sempre nello stesso punto. Interpretò quindi l’accaduto come l’espressione della volontà della Madre di Dio di restare in quel luogo e fece dono ai Rodiani della Sacra Immagine, chiamata “Madonna della Colomba”. Da allora, considerando il volere della Madonna essere lasciata libera di restare, il nome venne cambiato in “Madonna della Libera”. Il 2 luglio i Rodiani rievocano l’approdo “libero” della Madonna con una messa solenne e con una processione per le vie del paese, mentre al santuario giungono pellegrini del luogo e dei paesi vicini.

Crocifisso di Varano (Ischitella) – Sulle sponde del Lago di Varano, a pochi chilometri da Ischitella, sorge una piccola chiesetta immersa nella campagna piena di orti e ulivi. È la chiesa del Crocifisso di Varano, che si trova sul sito dell’antica Uria. Secondo la leggenda l’intero abitato sarebbe stato inghiottito dalle acque del lago ad eccezione della chiesetta dell’Annunziata che si ergeva solitaria su un piccolo promontorio. Nella chiesa è presente un Crocifisso miracoloso che viene portato in processione in occasione di pubbliche calamità, specialmente quando i raccolti sono in pericolo per la siccità o il gelo. L’opera è databile tra le seconda metà del XIII secolo e la prima metà del XIV. La leggenda vuole che sia stato lo stesso san Luca a scolpire il crocifisso. La festa che si celebra il 23 aprile ha il suo momento solenne nella processione in cui il Crocifisso viene portato sul vicino poggio dove è allestito un calvario.

Madonna di Loreto (Peschici) – La piccola chiesa della Madonna di Loreto si trova a due chilometri da Peschici. Fu costruita per volontà di alcuni pescatori sopravvissuti ad una notte di tempesta. Le dimensioni dell’edificio e la sua forma richiamano per l’appunto proprio le fattezze di una barca. La cappella è rimasta sempre nel cuore dei devoti pescatori di Peschici. Essa è il loro punto di riferimento spirituale e in essa continuano a ringraziare la Madonna per tutto il bene che ha fatto a loro e a tutta l’umanità. Il piccolo tempio ospita diversi ex voto marinari a forma di barche e velieri. Altri ex voto sono costituiti da remi e altri attrezzi marinari. La festa si celebra il secondo lunedì dopo Pasqua.

Santa Maria di Merino (Vieste) – Sorge a circa sette chilometri da Vieste nei pressi della provinciale che corre in direzione sud-est verso la Foresta Umbra. La chiesa è l’unico ricordo dell’antica città di Merino, caduta nel tempo in rovina. La statua della Madonna, secondo la tradizione, sarebbe stata rinvenuta da alcuni marinai sul lido di Scialmarino. Si tratta di una pregevole scultura in legno di tiglio scolpita fra il XIV e XV secolo, forse facente parte di un gruppo scultoreo raffigurante la scena dell’Annunciazione. Sulle rovine di Merino venne eretta una chiesetta in cui fu posta la statua e divenne nel tempo un importante centro spirituale per Vieste e per tutta la zona.

Itinerari religiosi - Strutture Consigliate

Confronta strutture

Hotel Vittoria

Inaugurato nel 2010, l'Hotel Vittoria si trova nel centro di San Giovanni Rotondo, a ...
Inaugurato nel 2010, l'Hotel Vittoria si trova nel centro di San Giovanni Rotondo, a meno di 5 minuti a piedi ...

Hotel Il Castellino Relais

L'Hotel Il Castellino Relais offre una piscina all'aperto, un campo da tennis e una ...
L'Hotel Il Castellino Relais offre una piscina all'aperto, un campo da tennis e una spiaggia privata. Potrete utilizzare gratuitamente il ...

Villaggio Elisena

Circondato dal Parco Nazionale del Gargano, il Villaggio Elisena offre un servizio navetta gratuito ...
Circondato dal Parco Nazionale del Gargano, il Villaggio Elisena offre un servizio navetta gratuito diretto alla spiaggia, raggiungibile in 5 ...

Hotel Residence Tramonto

L'Hotel Residence Tramonto di Rodi Garganico, dispone di un centro benessere gratuito. E' situato ...
L'Hotel Residence Tramonto di Rodi Garganico, dispone di un centro benessere gratuito. E' situato ai piedi di una collina che ...

Morcavallo Hotel & Wellness

Morcavallo Hotel & Wellness, situato a 50 metri dalla costa e dalle sue splendide ...
Morcavallo Hotel & Wellness, situato a 50 metri dalla costa e dalle sue splendide spiagge, vanta un centro benessere, un ...

Hotel degli Aranci

Hotel Degli Aranci a soli 5 minuti a piedi dalla spiaggia di Vieste. Offre ...
Hotel Degli Aranci a soli 5 minuti a piedi dalla spiaggia di Vieste. Offre una piscina all'aperto e una terrazza ...

Garden Hotel Ripa

Il Garden Hotel Ripa offre camere climatizzate e dislocate su un tranquillo parco di ...
Il Garden Hotel Ripa offre camere climatizzate e dislocate su un tranquillo parco di 6000 m². A 70 metri dalla ...

Hotel Scialì

Con una spiaggia privata a 300 metri di distanza, Hotel Scialì offre camere climatizzate ...
Con una spiaggia privata a 300 metri di distanza, Hotel Scialì offre camere climatizzate a 300 metri dal Lungomare Enrico ...

Villa Simone Parco Nazionale del Gargano

6
Il Gargano ricorre anche nei nomi delle 6 camere, personalizzate nei colori e negli ...
Il Gargano ricorre anche nei nomi delle 6 camere, personalizzate nei colori e negli arredi, che Villa Simone mette a ...
€ 45 prezzo minimo per notte

Hotel Club Village Maritalia

Situato sulle coste pugliesi all'interno del Parco Nazionale del Gargano, l'Hotel Club Village Maritalia ...
Situato sulle coste pugliesi all'interno del Parco Nazionale del Gargano, l'Hotel Club Village Maritalia vanta un parco di 1.000 m² ...

Palace Hotel San Michele

Il Palace Hotel San Michele è un Palazzo primo ‘900 completamente ristrutturato, davanti al ...
Il Palace Hotel San Michele è un Palazzo primo ‘900 completamente ristrutturato, davanti al Castello normanno-svevo e a pochissima distanza ...

Regio Hotel Manfredi

Il Regio Hotel Manfredi offre un giardino di 6 ettari con palme, una piscina ...
Il Regio Hotel Manfredi offre un giardino di 6 ettari con palme, una piscina di grandi dimensioni e una spa ...

Villaggio Turistico Baia del Monaco

Nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, è un Villaggio di recente costruzione, immerso ...
Nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, è un Villaggio di recente costruzione, immerso in un’area di oltre 20.000 mq, ...

Hotel & Centro Congressi i Melograni

L'Hotel i Melograni, di nuovissima realizzazione ubicato all'interno del Villaggio Baia degli Aranci, è ...
L'Hotel i Melograni, di nuovissima realizzazione ubicato all'interno del Villaggio Baia degli Aranci, è distinto in due corpi disegnati nel ...